Personale di segreteria, istruttori di nuoto, allenatori e tecnici stanno vivendo un momento difficile ed hanno paura per il futuro.

Lo stop alle attività nelle piscine per il Coronavirus riduce a zero la possibilità di sostentamento per lavoratori e datori di lavoro del settore.

Il rischio è altissimo, perché, a causa dello stop prolungato, il funzionamento degli impianti è messo in discussione dagli ingenti costi di gestione.

Tanto i piccoli quanto i grandi centri temono il fallimento.

La situazione non fa che aumentare le paure di tutti i lavoratori del settore, molti dei quali precari o con partita IVA.

Eppure, senza il contributo di personal trainer, istruttori, allenatori e tecnici addetti alla manutenzione, nessun impianto potrebbe funzionare.

Il personale e lo staff tecnico di piscine è la materia prima indispensabile per poter mandare avanti ogni attività didattica o ricreativa. Per non parlare del ruolo formativo nell’avviamento allo sport che svolgono gli insegnanti delle varie discipline. In tal senso, questi lavoratori sono parte integrante della cultura italiana.

Si fa quindi appello al Comune ed alle Istituzioni per aiuti al settore.

DUBBI? INVIACI SUBITO UNA EMAIL!

Ho letto e accetto l'informativa privacy sul trattamento dei dati personali.